Forum » Recensioni

L'asino d'oro
0 1
Apuleius

L'asino d'oro

Torino : Einaudi, copyr.1991

Abstract: Lucio, protagonista e narratore, in Tessaglia per affari, abita a casa di Milone e di sua moglie Panfile, ritenuta una maga. Procuratosi un unguento magico che sapeva aver trasformato Panfile in uccello, Lucio si trasforma però in asino. Dei ladri saccheggiano la casa di Milone e caricano l'asino Lucio del bottino. Giunto poi alla caverna dei briganti, Lucio ascolta la favola di Amore e Psiche, narrata da una vecchia a una fanciulla rapita. Sconfitti i briganti dal fidanzato della ragazza, Lucio passa di padrone in padrone, subendo ogni tipo di tormento, Finché non si addormenta sulla spiaggia di Cencree. In sogno gli appare la dea Iside che gli indica la strada per riprendere la forma umana. Lucio esegue le indicazioni della dea e si fa iniziare al suo culto.

407 Visite, 1 Messaggi
Gaia ZAPPIA
41 posts

Leggere un libro latino, seppur tradotto in italiano, non è esattamente il sogno della stragrande maggioranza di studenti; spesso infatti associamo la lingua latina a qualcosa di morto, a qualcosa di noioso. In poche parole: libro latino = libro noioso.

Eccovi invece una serie di motivi per cui leggere “Asino d’oro”.

– Il fascino: è l’unico romanzo latino a esserci giunto perfettamente integro.

– La trama: il libro racconta la serie di avventure toccate al protagonista dopo essersi trasformato in niente meno che un asino.

– La struttura aperta: la metamorfosi di Lucio fa da sfondo e da filo rosso per tutto il romanzo, dato che nel corso della lettura vengono raccontate storie tra le più disparate (celeberrima quella di Amore e Psiche)

– Il personaggio di Lucio: in parte autobiografico, può offrire una riflessione sul vizio della curiosità e su ciò che può scaturirne se non viene tenuta a bada.

Confesso di essere rimasta maggiormente coinvolta all’inizio e alla fine, mentre nel mezzo non sempre sono riuscita a mantenere l’attenzione, inoltre inizialmente mi ha un po’ scioccata il tono decisamente esplicito. Non è però scritto in una maniera del tutto incomprensibile e spesso la lettura procede con un ritmo incalzante.

Si tratta comunque di un mattone e certamente non è una lettura semplice, tuttavia, per quanto possa sembrare Inverosimile, devo ammettere che complessivamente l’ho trovato un libro divertente… Anche perché le lunghissime, noiose e minuziose descrizioni le ho saltate a prescindere.

  • «
  • 1
  • »

489 Messaggi in 443 Discussioni di 74 utenti

Attualmente online: Ci sono 5 utenti online